• lucchesi maradona
  • RX 2 maradona web
  • RX maradona LMDD web
  • esecutivostampagianni3
  • esecutivostampagianni4
  • esecutivostampagianni6
  • esecutivostampagianni7
  • IMG_8676 copia
  • maradona acquarello 1
  • maradona acquarello 2
  • gianni lucchesi ambienti interiori chi si accontenta muore m.a.
7 dicembre 2017

2017 Maradona Museo della Follia Napoli “questo non è il suo piede”

 

 

  • “Maradona questo non è il suo piede” è un opera esposta a Napoli al Museo della Follia curata da Vittorio Sgarbi.
  • Il Museo “Da Goya a Maradona” ( 2 dicembre 2017 – 27 Maggio 2018 Chiesa alla Pietrasanta , Napoli)
  • ha accolto e riconosciuto la figura di Maradona calciatore come un artista del 900.
  • Il lavoro che ho realizzato appositamente per questa mostra, si tratta della Selezione delle sue dieci azioni, a mio giudizio più belle, e le ho raccontate.
  • Ho ricostruito tramite immagine radiografica l’esatta postura del piede sinistro nel momento esatto dell’impatto con il pallone in quella determinata partita e nel preciso istante in cui Maradona ha spinto la palla in rete.
  • E’ nato un lavoro  atipico rispetto alla mia abituale espressione, ma coerente concettualmente con la mia abitudine ad indagare, metaforicamente, sempre all’interno di qualcosa.
  • Pensando a  Maradona durante uno dei suoi dribbling non posso che andare con il pensiero a quella straordinaria discesa durante la partita con l’Inghilterra.
  • La ricordo come una danza, per l’armonia e per l’imprevedibilità dei movimenti.
  • Mi viene spontaneo paragonarlo ad un batterista jazz.
  • Così come il tamburo viene colpito né in battere né in levare, ma con una metrica imprevedibile e non geometrica, Maradona tocca delicatamente la palla, la accarezza una frazione di secondo prima o dopo rispetto a quando ci si aspetterebbe.
  • Da l’osservazione di quella discesa ho realizzato una serie limitata di acquarelli e grafite su carta

 

lucchesi maradona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *